<> – Negramaro


“avevo chiamato a casa tua prima di partire; nel caso non fossi più tornato, ma alla fine non mi hanno voluto neanche i birmani e quindi rieccomi! Ti chiamo a casa, fammi uno squillo quando posso. ”

Prima di rispondere mi accesi una sigaretta;
“ciao!”, il mio cuore fece un balzo… indicibile l’effetto che ancora mi fa la sua voce dopo tanti anni. Dopo pochi attimi mi accorsi che stava fumando anche lui, conoscendolo, doveva averla accesa poco prima di comporre il numero. Uno scambio di poche parole giusto per riprendere un po’ di confidenza ed iniziò a raccontarmi del suo viaggio, un viaggio dove non ci si può fermare per guardare indietro ne tantomeno voltarsi per ripercorrere i stessi passi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...